30×30: Brother Distress

Accade che ci si senta soli quando si è in luoghi molto affollati o quando si vive in grandi città, e anche che si abbia bisogno di solitudine quando in realtà non c’è un cane con noi. Generalmente, al presentarsi di questi sintomi diffusi la nostra attenzione farà in modo di scovare l’articolo di uno psicologo imboscato nel libro paga di qualche periodico squisitamente femminile che ci dice di fare attenzione a queste avvisaglie di alienazione, o il volantino di un workshop buddista che per qualche spicciolo – buffet vegetariano incluso – saprà condurci verso la guarigione. In ogni caso si parla di malattia, ed entrambe sono stronzate. Quindi: se un sedicente monaco orientale in trasferta sospetta scrive sul tuo magazine femminile preferito che sei malato perchè provi qualcosa che a tutti è accaduto di provare, seppelliscilo con una risata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...